Il coronavirus guida le ricerche su Amazon

Nel mese di marzo, la richiesta dei consumatori è molto cambiata su Amazon e, come noi abbiamo dovuto adattarci al nuovo stile di vita, anche il marketplace ha dovuto adattarsi.

 

A marzo, la maggior parte degli acquirenti su Amazon ha cercato carta igienica, prodotti per la pulizia, caffè e altri elementi essenziali, oltre a articoli per lavorare da casa, attrezzature sportive e intrattenimento per i bambini.

I consumatori continuano a cercare questi prodotti, Amazon però non sempre riesce a soddisfare tutte le esigenze.

Amazon ha quindi apportato delle modifiche alle sue operazioni per far fronte al rapido aumento della domanda di articoli essenziali, mentre altre categorie come l’abbigliamento e le scarpe si sono ridotte. Il marketplace ha dato la priorità agli articoli richiesti e soprattutto alla sicurezza dei dipendenti nei suoi centri logistici.

Le modifiche al funzionamento del servizio sono previste per dare un miglior servizio agli utenti e per tutelare i dipendenti dei centri logistici.

Ecco quali sono le modifiche al servizio di Logistica di Amazon messe in atto finora:

  • peso dei pacchi in ingresso ai magazzini: è prevista una limitazione per colli e prodotti singoli di peso superiore a 15 kg, questo perché si vuole limitare la ricezione, il riassortimento e la spedizione di prodotti il cui prelevamento, imballaggio e spedizione richiedano il coinvolgimento di due persone contemporaneamente.
  • diminuzione delle tariffe di stoccaggio: per un mese (le ultime due settimane di marzo fino al 15 aprile) non addebiteranno le tariffe di stoccaggio per i prodotti immagazzinati negli Stati Uniti, Regno Unito, Germania, Francia, Italia, Spagna, Polonia, Repubblica Ceca e Canada.
  • nessuna nuova spedizione in entrata per prodotti non necessari: non sono previsti riassortimenti di merce che non siano di prima necessità, come gli alimentari, materiali sanitari e prodotti ad uso domestico. Per determinare l’idoneità di un prodotto, Amazon prende in considerazione diversi fattori, tra cui quali sono i prodotti più richiesti al momento dai clienti, i livelli di inventario attuali e l’inventario in transito, la capacità del centro logistico e la capacità di aderire alle linee guida sulla salute più recenti.
  • rimozioni sospese: per garantire la capacità di ricevere, rifornire e spedire i prodotti ad alta priorità, sono state temporaneamente sospese le operazioni di rimozione in alcuni dei centri logistici.
  • tempi di consegna variabili e spedizioni all’estero: Amazon potrebbe estendere i tempi di consegna in Italia e a causa delle capacità ridotte nella gestione degli ordini dei clienti, potrebbe disabilitare le spedizioni transfrontaliere che partono dall’Italia. In questo caso, gli ordini relativi a spedizioni transfrontaliere verranno automaticamente cancellati. Se le spedizioni gestite con la tua logistica sono impattate dai ritardi dei corrieri aumenta il “tempo di gestione” dei tuoi ordini. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *