3 consigli per lavorare bene da casa

Molti di noi, i più fortunati, hanno la possibilità di lavorare da casa a causa della diffusione del COVID-19. Ma tutti riescono davvero a lavorare bene in questa condizione? Vediamo 3 consigli pratici per uno smartworking sereno e produttivo.

 

Lavorare da casa può essere una soluzione non per tutti piacevole. Alcuni di noi hanno molte distrazioni in casa, come per esempio i figli, che in questo periodo sono a casa da scuola. Per riuscire ad essere produttivi è necessario osservare poche e semplici regole.

  1. Dotarsi degli strumenti giusti. Se rimani isolato dal resto del gruppo di lavoro potresti perderti facilmente. Organizzare chat o frequenti videochiamate può aiutarti a “rimanere sempre sul pezzo” e a restare connesso e aggiornato sull’andamento dei lavori. Le email a volte sono molto scomode, ti rallentano, quindi potresti pensare di metterle da parte, almeno quando si tratta di comunicare con i colleghi. Per le chat e le videochiamate puoi sfruttare Hangouts di Google o Slack. Anche strumenti come le task possono essere di aiuto nel caso tu debba coordinare uno staff e tenere traccia di tutte le attività da svolgere; un esempio di un tool utile per questo è Trello
  2. Restare organizzati. Il fatto di prepararsi la mattina, uscire per andare sul luogo di lavoro è una piccola routine che aiuta tutti a essere pronti per la giornata lavorativa. Ora, chiuso in casa, devi quindi crearti una condizione in cui aiuti il tuo cervello a capire quando è il momento di mettersi al lavoro. Fissa quindi delle piccole routine in casa e pianifica nella giornata tutte le attività, lavorative e non. Fai un calendario condiviso con i tuoi colleghi, in modo che sappiano quando possono raggiungerti e quando invece no, magari perché hai fissato la spesa settimanale. Google Calendar è nato proprio per questo, per ricordare a te e agli altri tutti i tuoi impegni. Anche individuare una zona ben definita all’interno della casa dove lavorare può aiutare la tua mente a non cedere alle distrazioni e a rimanere produttivo.
  3. Condividi le tue risorse. Tutto il materiale che produci, condividilo con il tuo gruppo di lavoro, eviterai che alcune operazioni vengano fatte più volte da persone diverse, e soprattutto che tutti siano aggiornati sull’avanzamento o su eventuali cambiamenti. Google Drive è perfetto perché ti dà la possibilità di condividere file, cartelle, documenti non solo in visualizzazione, ma permette a più utenti di metter mano sulla stessa risorsa anche contemporaneamente.

Lo smartworking negli altri stati è molto più sfruttato ed è stato adottato già da anni, chissà che questa situazione dovuta alla pandemia non apra le porte ad una modalità di lavoro differente anche quando l’allarme sarà cessato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *